Ecco l’ultima rapina dell’Europa alle imprese venete

A cura di: Giuseppe Catapano

ue-europa-mappa-euro-banconote-corbis-258x258Dal ’95 al ’97 Regione Veneto avrebbe concesso alcuni sgravi fiscali a delle aziende. Di primo acchito ti vien da dire e-per-fortuna, ché una Regione dal residuo fiscale imbarazzante almeno in anni migliori ha ben trattato le proprie imprese. Poi leggi il resto e scopri che quegli sgravi, concessi vent’anni fa, ci costeranno 42 milioni, almeno: trenta di multa da pagare subito e 12 per ogni ulteriore semestre di ritardo a decorrere da oggi finché non sarà recuperata l’intera somma, riporta il Gazzettino. Perché? Perché quegli sgravi vengono ritenuti “aiuti di stato”. Da chi, chi ci ha multato? La Corte di Giustizia europea che ha deciso che quei 114 milioni di euro concessi a 1.645 imprese di Venezia e Chioggia. Quindi, ricapitolando: il Veneto ha concesso sgravi fiscali per 114 milioni a delle imprese, vent’anni fa. L’Europa vent’anni dopo ha deciso che quindi, oltre a recuperare quei 114 milioni, ne dovremo spendere minimo trenta, fino a superare la cifra. Quindi sanziona l’Italia.

E ti chiedi all’Europa cosa freghi di sgravi fiscali veneti, o meglio, come la politica italiana abbia abdicato alla sovranità al punto da permettere a Bruxelles di decidere quali sgravi siano legali e quali no e soprattutto come e quanto multarci. Non è la prima volta, non sarà l’ultima, non smette di essere offensivo e dannoso. Senza tenere conto poi che proprio in Veneto, lì dove la rapina fiscale prende corpo come in pochi luoghi al mondo. Allora ora, mentre le imprese chiudono, lo Stato andrà a battere cassa per non pagare 12 milioni a semestre. Parte di quelle imprese i soldi non li avrà, e noi continueremo a sborsare a mamma Merkel, da cui non impariamo nulla di buono sulla gestione interna, specie su quella degli immigrati (lì nessun ghetto, entra solo chi rispetta le regole e che che ne dicano chi piace loro), ma ci facciamo bastonare per cose che non li riguardano neanche lontanamente. Con una pressione fiscale che tocca il 70%, anche quegli sgravi fossero stati iniqui o sbagliati probabilmente lo è di più esigerne la restituzione oggi. Ma soprattutto quella multa prepotente, quei trenta milioni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: