Paese tra taniche e secchi: acqua a singhiozzo da prima di Natale

A cura di: Giuseppe Catapano

giucatap589Arezzo, 15 gennaio 2016 – Sono all’asciutto gli abitanti di Poggio Cuccule. Un piccolo borgo sulle colline di Montevarchi dove risiedono 9 famiglie, una trentina di persone alle prese con una rete idrica che risale agli anni ‘60 e non ce la fa più. Da qualche giorno prima di Natale l’acqua esce a singhiozzo dai rubinetti, quando va bene. In molti casi, però, dalle cannelle non esce nemmeno una goccia. Una situazione già verificata d’estate, ma assolutamente inedita nel periodo invernale. E sale la protesta con Publiacqua.

«Siamo costretti a vivere tra taniche, catini e catinelle – spiega amareggiato Alessandro Peri, portavoce della comunità – e quando il liquido arriva la poca pressione ci impedisce persino di fare una doccia, lavare i piatti o accendere le caldaie. Ogni volta che alziamo la cornetta per chiedere lumi ci sentiamo dire dagli operatori del call center che interverranno. Ormai è quasi un mese».

«Lo scorso fine settimana  ho chiamato il sindaco Francesco Grasso  e, in effetti, grazie al suo interessamento l’erogazione è ripresa regolarmente. Speravamo di aver risolto e, invece, da martedì siamo punto e a capo».

 Intanto, ieri pomeriggio, Publiacqua ha spiegato che il guasto era dovuto a due perdite del serbatoio che rifornisce la frazione e di essere intervenuta per le riparazioni del caso. E tutti a Poggio Cuccule sperano sia la volta buona.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: