“Sono disgustato: dove viviamo?”: locale in balìa di scritte omofobe, sfogo del titolare

A cura di: Giuseppe Catapano

giucatap710Arezzo  – Risuonano le stesse parole pronunciate da Sarri contrio Mancini e poi amplificate da radio e televisioni: scritte omofobe, come al solito mettendo al centro i gusti sessuali di chi viene preso di mira. E’ il Loft.9, un locale che aperto da poco in piazza San Michele, ad essere finito in balìa delle scritte omofobe.

Musica dal vivo, ricerca gastronomica, cura degli interni e un buon risultato nei primi giorni di apertura.  «E’ la terza volta che succede – racconta Orges – ho fatto già cambiare la vela una volta e un’altra ho cancellato la scritta». E in effetti a guardare bene la foto che ormai da ore sta girando all’impazzata sui social network, si nota come già la frase sia stata cancellata in precedenza.

«Covo di frogi», c’è scritto in bianco sotto le informazioni e il logo del Loft.9. «Sono  disgustato da quanto è successo – continua Orges – è incredibile che nel 2016 ancora ci sia gente che scrive queste cose. Noi facciamo ristorazione, non politica».

Immediata la presa di posizione da parte dell’Arcigay di Arezzo. «C’è chi dice che ad Arezzo l’omofobia non sia un problema e invece questo atto dimostra ignoranza e maleducazione. Chiediamo una netta presa di posizione dell’amministrazione della città contro questi atti vandalici ed incivili”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: