Denuncia contro Renzi smarrita dai Pm toscani, indaga Genova

A cura di: Giuseppe Catapano

giucatap507Genova – Il sostituto procuratore Francesco Cardona Albini ha aperto un fascicolo a carico di ignoti per omissione d’atti d’ufficio dopo la querela presentata da Alessandro Maiorano, il «grande accusatore» del premier Matteo Renzi, nei confronti dei magistrati della procura di Firenze.

Secondo Maiorano, dipendente del comune del capoluogo toscano, il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Creazzo, il sostituto procuratore Luca Turco e il giudice per le indagini preliminari Alessandro Moneti non avrebbero indagato a sufficienza sui numerosi esposti che lui avrebbe depositato nei confronti dell’ex sindaco Renzi.

A marzo, il legale del dipendente pubblico, l’avvocato Carlo Taormina aveva denunciato lo «smarrimento» della querela presentata a Roma. Ne era stata così inoltrata un’altra alla questura di Prato che ha trasmesso gli atti ai magistrati genovesi.

Maiorano, nel corso degli anni, ha presentato esposti ai magistrati toscani per indagare sulla concessione di un alloggio da parte di Marco Carrai a Matteo Renzi e sui rapporti tra il generale della Guardia di Finanza Michele Adinolfi con l’attuale premier quando era presidente della Provincia di Firenze e poi sindaco. I giudici avevano però archiviato le indagini e per questo Maiorano aveva presentato gli esposti contro i magistrati toscani.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: