Omicidio Rosboch: tutti insieme in aula, al via lo scontro tra accusa e difese

A cura di: Giuseppe Catapano

giucatap606Quattro personaggi in cerca d’autore: Gabriele Defilippi, Roberto Obert, Caterina Abbattista, Efisia Rossignoli. Poi gli avvocati difensori, Pierfranco Bertolino, Celere Spaziante, Erica Giardino, Matteo Grognardi e Ferdinando Ferrero. Infine, nel ruolo di testimone, superprotetto, il tredicenne fratellastro di Gabriele che non potrà vedere in viso gli imputati, nemmeno la madre, nascosto da uno specchio. Ma Caterina Abbattista invece sì. Lo rivedrà così, per la prima volta dopo l’arresto del 19 febbraio scorso.

INCIDENTE PROBATORIO

Per mercoledì 18 maggio, alle 9,30, il gip di Ivrea ha disposto l’incidente probatorio convocando nella stessa aula tutti i protagonisti del caso di Gloria Rosboch, assassinata alle 15,30 del 13 gennaio nella discarica tra Rivara e Pertusio e suo il corpo gettato in una vasca di decantazione delle acque. Corpo ritrovato solo grazie alla confessione di Obert. Per l’accusa sarà presente il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando e per la parte civile l’avvocato Stefano Caniglia.

«Non è un confronto – spiegano gli avvocati Gilardino e Grognardi – ma quasi un anticipo del dibattimento. Sarà possibile interrogare gli imputati sui punti più controversi. Noi vogliamo dimostrare l’innocenza di Caterina Abbattista per quanto riguarda il delitto». Il difensore di Defilippi, Pierfranco Bertolino, insiste sui disturbi della personalità, ancora in corso di valutazione con la perizia dello psichiatra Lorenzo Villari. Per quanto riguarda la posizione di Defilippi e Obert, i dubbi si concentrano sugli ultimi minuti di vita di Gloria. Oltre all’incertezza sull’autore materiale dello strangolamento, la possibilità che lei abbia cercato sino all’ultimo di difendersi dai suoi assassini, probabilmente percossa o trattenuta con violenza, mentre uno dei due la strangolava con un cavo. Gli esiti dell’autopsia confermano che la professoressa è morta in pochi secondi: non respirava più quando i due amanti l’hanno trascinata sul prato, dopo averla spogliata e depredata di gioielli e orologio, e infine spinta dentro le acque fangose della cisterna.

NUOVI VERBALI

Adesso il gip e la procura hanno in mano non solo i primi elementi raccolti dai carabinieri del nucleo investigativo nella prima fase dell’indagine, tuttora in corso, ma anche i nuovi verbali degli interrogatori di Defilippi, Obert, Abbattista e Rossignoli raccolti tra marzo e aprile. E infine la lunga testimonianza del figlio minore, sentito per la seconda volta in condizioni di totale protezione.

Lo scopo degli inquirenti è quello di cristallizzare le prove in vista dei dibattimenti. È quasi certo che i due assassini, ex amici ed ex amanti, sceglieranno il rito abbreviato con l’idea di evitare l’ergastolo, mentre i legali di Abbattista non hanno escluso del tutto l’ipotesi di scegliere il rito ordinario, per affrontare l’accusa di concorso in omicidio. Più sfumata la posizione di Efisia Rossignoli, indagata sì per omicidio, ma solo per consentire gli accertamenti tecnici sulla Twingo e altri atti giudiziari protetti dal segreto. Sino a ora, non c’è nessun indizio contro di lei in merito alle fasi del delitto. Di certo si prestò a interpretare il ruolo della direttrice di banca, rassicurando Gloria sulla destinazione dei soldi appena trafugati nell’ottobre 2014.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: