Terrorismo, due fermi a Bari: “Progettavano attentati in Italia”

A cura di: Giuseppe Catapano

giucatap597Operazione antiterrorismo oggi a Bari dove i carabinieri del Nucleo Investigativo e del Ros hanno eseguito due decreti di fermo nei confronti di due cittadini di nazionalità afghana accusati di progettare attentati anche in Italia con l’aiuto di altre persone ora in fuga. L’operazione è scattata a seguito di una lunga  indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari e durata oltre un anno. Come riportato dal quotidiano La Repubblica, l’inchiesta era stata avviata dopo la segnalazione di un uomo, poi finto tra gli indagati, che si aggirava all’esterno di un centro commerciale del capoluogo pugliese filmando la struttura. Dai successivi accertamenti gli inquirenti avrebbero individuato una vera e propria cellula terroristica che secondo i pm baresi sarebbe legata all’Isis e ad al Qaeda. Della cellula farebbero parte almeno cinque persone di cui però due sarebbero già partiti per l’Afghanistan mentre un’altra risulta ancora ricercata.
Al Gruppo la Dda di Bari contesta il reato di associazione per delinquere con “finalità di terrorismo internazionale, in Italia e all’estero, realizzando anche in Italia (oltre che in Francia, in Belgio) un’associazione criminale, costituente articolazione o comunque una rete di sostegno logistico di una organizzazione eversiva sovranazionale di matrice confessionale, funzionalmente collegata all’organizzazione terroristica internazionale denominata Isis, all’emirato Islamico dell’Afghanistan e di Al Qaeda”. Per gli inquirenti il gruppo era impegnato attivamente nella preparazione di azioni terroristiche da attuarsi “contro governi, forze militari, istituzioni, organizzazioni internazionali, cittadini ed altri obiettivi civili”. “L’organizzazione, che aveva disponibilità di armi, predisponeva, tramite la preventiva ispezione dello stato dei luoghi (anche con documentazione fotografica e video), attentati terroristici presso aeroporti, porti, mezzi delle forze dell’ordine, centri commerciali, alberghi oltre che di altri imprecisati attentati terroristici in Italia  e Inghilterra” scrivono ancora gli inquirenti.

Nei loro cellulari infatti i carabinieri avrebbero trovato diverse foto e filmati che rappresenterebbero veri e propri sopralluoghi davanti ad aeroporti, porti, centri commerciali, alberghi, sia nel nostro Paese che in Inghilterra. Nei loro telefoni anche molto materiale ideologico di propaganda jihadista e foto in cui si fanno ritrarre con fucili d’assalto, per gli inquirenti un segnale della “disponibilità di armi da utilizzare per la preparazione di attentati”. Uno dei presunti terroristi, Hakim Nasiri, è stato fotografato anche insieme al sindaco di Bari, Antonio Decaro, durante la Marcia degli Scalzi del 10 settembre 2015, la manifestazione organizzata in tutta Italia in segno di solidarietà e integrazione in favore dei cittadini immigrati.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: