Il suicidio di Chris Cornell non è stato provocato dall’assunzione di sostanze stupefacenti:conferma dall’autopsia

Chris Cornell ,cantante dei Soundgarden trovato morto a 52 anni, nella sua stanza dell’MGM Grand Casino Hotel a Detroit il 18 maggio scorso, poche ore dopo il suo ultimo concerto. Le relazioni dei periti sono state rilasciate venerdì. Dall’autopsia è arrivata la conferma che a causare il decesso è stata l’impiccagione nel bagno: nel corpo sono stati trovati chris-cornell_new_album_2015.jpgbarbiturici, caffeina e lorazepam, farmaco anche conosciuto come Ativan e utilizzato per trovare sollievo dall’ansia. “Questi farmaci però non hanno contribuito alla causa della morte”, ha detto il dottor Théodore Brown, assistente di medicina legale di Wayne County. E Daryl Davies, professore di farmacologia clinica alla Usc School of pharmacy, in un’intervista all’Ap ha commentato il referto sottolineando che “le droghe generano una combinazione di alti e bassi: quando si prende quel mix di farmaci, si può avere sonnolenza o essere disorientati, ma risulta ci si voglia impiccare”.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: