Napoli, vicequestore della Polfer sospeso dal servizio accusato di aver aiutato un indagato

Stefano Valletta,un vice questore della Polfer di Napoli,è stato accusato per aver aiutato un indagato di associazione camorristica e di quadruplice omicidio attraverso un paio di controlli sui computer delle banche dati delle forze di polizia per verificare l’esistenza o meno di situazioni sospette a suo carico. È il risultato a cui ha condotto un’indagine  svolta dalla Dda di Napoli – pm Catello Maresca, procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli – culminando nell’arresto di Giancarlo Iovine, imprenditore figlio del fondatore del consorzio agrario di San Cipriano d’Aversa.

polizia-610x400.jpgGiancarlo Iovine è accusato di aver avuto un ruolo nella “strage di Casapesenna” del 22 aprile 1989, fornendo ai killer un immobile utilizzato per gli appostamenti preparatori all’omicidio di Antonio Pagano (che abitava nei paraggi), Giuseppe Mennillo, Giuseppe Orsi e Giuseppe Gagliardi.

Le indagini della Squadra Mobile di Caserta hanno documentato i frequenti rapporti tra l’imprenditore ritenuto organico al clan dei Casalesi e il vice questore di polizia.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: