Usa,ammazza la figlia e chiama la polizia: “Si è sparata in faccia”. Arrestato

omicida-300x180.pngOKLAHOMA CITY (USA) – Il 29 giugno aveva chiamato la polizia chiedendo di accorrere, perché la figlia si era suicidata in casa. Ma pochi giorni dopo, il 4 luglio, è stato arrestato con l’accusa di averla u****a lui la figlia. Ronald McMullen, americano di 43 anni, dovrà rispondere del reato di omicidio volontario nei confronti di Kailee McMullen, una giovane soccorritrice di ambulanza di 22 anni.“Mia figlia si è sparata in faccia. Venite subito”, aveva detto al telefono con il 911 lo scorso 29 giugno. Ma quando gli agenti di polizia sono arrivati, hanno capito subito che c’era qualcosa di strano. Ad uccidere la ragazza è stato un unico colpo di pistola esploso in pieno volto. In cucina la polizia scientifica ha rilevato tracce di sangue cancellate subito dopo la morte di Kailee, prima dell’arrivo della polizia.“Ero in un’altra stanza. Ho sentito un colpo di pistola e l’ho trovata così”, ha spiegato agli agenti hanno notato che McMullen stava cercando di pulirsi i vestiti macchiati di sangue con un asciugamano. Bloccato dagli agenti, si è sporcato volontariamente con del fango in giardino. Per il 43enne disposto immediatamente l’arresto.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: