Reggio Calabria, due arresti: “Stragi organizzate da Cosa Nostra e “Ndrangheta insieme”

Alla stagione delle Stragi di Mafia non ha partecipato, con un ruolo da protagonista, solo Cosa Nostra: anche la ‘Ndrangheta ha preso parte a quegli attacchi brutali allo Stato. Per questa ragione due importanti esponenti della criminalità organizzata siciliana e calabrese –  Rocco Santo Filippone e Giuseppe Graviano – sono stati arrestati questa mattina dagli uomini della Squadra mobile di Reggio Calabria su richiesta della direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria. Per i due uomini finiti in manette, l’accusa è di aver partecipato nella strategia di attacco alle istituzioni che, dopo i brutali attentati costati la vita ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e ai membri delle rispettive scorte, ha continuato a mietere vittime anche fuori dalla Sicilia.

“Cade in maniera netta l’assunto secondo cui la ‘ndrangheta, o cosche di primo piano di essa, sia stata totalmente estranea alla svolta ‘stragista’ impressa da Cosa nostra negli anni ’90. Molti aspetti di queste torbide vicende saranno chiariti”. E’ quanto si apprende in ambienti investigativi che hanno coordinato l’inchiesta che ha portato all’arresto di Rocco Santo Filippone e Giuseppe Graviano. Le dichiarazioni di Gaspare Spatuzza hanno avuto l’effetto di un colpo di maglio su oltre venti anni di storia criminale da cui la ‘ndrangheta emerge come “alleato” affidabile di Cosa nostra “nell’attacco coordinato allo Stato ed alle sue istituzioni più rappresentative, come l’Arma dei Carabinieri”. Secondo gli inquirenti si trattava di un “progetto di disarticolazione della democrazia e delle istituzioni”, in un quadro politico, come quello degli anni ’90, caratterizzato dall’instabilità istituzionale e dalla chiusura della Prima Repubblica.

In mattinata la procura di Reggio Calabria ha disposto una perquisizione in casa di Bruno Contrada, ex n. 2 del Sisde condannato per concorso in associazione mafiosa per cui, nelle scorse settimane, la Cassazione aveva revocato la condanna. La perquisizione rientra nell’inchiesta calabrese sugli attentati ai carabinieri. “Ci aspettavamo ed era ampiamente prevedibile – ha detto il legale di Contrada, l’avv. Stefano Giordano – una reazione da parte di chi ha perso e non si rassegna a questa inesorabile sconfitta”.

a cura di Maria Parente

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: