Coldiretti denuncia inviasione di pomodori cinesi: fate attenzione alle etichette

La Coldiretti denuncia come nello scorso anno si siano raggiunti i 100 milioni di chili di concentrato di pomodoro importati dalla Cina, una quantità che equivale al 20 per cento della produzione nazionale. Il rischio, secondo i coltivatori, è che continui ad aumentare il traffico di fusti da 200 chili di concentrato dalla Cina, che viene poi rivenduto come italiano, grazie al fatto che il luogo di coltivazione del pomodoro non è un’indicazione obbligatoria per la vendita al dettaglio di questo prodotto, ma solo per la passata.

Oltre alla conquista del mercato italiano, spiega la Coldiretti, il problema si pone ancora maggiormente quando si considera che il Paese è primo per numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari perchè contaminati dalla presenza di microtossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge, da parte dell’Unione Europea. Oltre al danno la beffa: l’Italia sta per diminuire la produzione nazionale, ritenuta eccessiva dalle industrie di trasformazione, ma dall’estero le importazioni aumentano. Il consiglio di Coldiretti? Preferire i prodotti, concentrato o sughi pronti, che volontariamente indicano sulla confezione l’origine nazionale 100% del pomodoro utilizzato.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: