Bologna, sgombero del centro sociale Làbas

BOLOGNA – La polizia invade via Orfeo, nel cuore di Bologna, e l’ex caserma Masini è sotto sgombero. Sono cominciate questa mattina alle sette le operazioni per liberare l’immobile occupato quasi cinque anni fa, nel novembre del 2012, dal collettivo Làbas. Una trentina di attivisti si è schierata davanti al cancello d’ingresso, tutti seduti per terra e con in mano caschi da cantiere. C’erano anche delle rotoballe a difesa dell’ingresso principale di via Orfeo.

Prima delle 8 la polizia ha sgomberato i manifestanti davanti al cancello, allontanati dall’ingresso principale. Gli agenti hanno prima provato a trascinarli via, poi hanno usato i manganelli. Cariche verso gli attivisti allontanati da via Orfeo. La zona è stata tutta bloccata, in via Castiglione i vigili non hanno fatto passare le auto. Alcuni residenti sono scesi in strada sgomenti per lo sgombero: “Ma che fastidio davano?”. Altri, svegliati in mattinata dai lacrimogeni, scuotono la testa: “E’ un lutto, il quartiere perde una realtà sociale unica”. Un altro attivistia: “Il Comune dovrà risponderne”.

I tafferugli sono proseguiti nella vicina piazza del Baraccano, dove si sono radunati gli attivisti sgomberati dall’ex caserma. All’interno sono dovuti intervenire i vigili del fuoco per spegnere vari focolai: nel cortile gli esponenti del collettivo avevano dato alle fiamme alcune balle di paglia, provocando anche molto fumo. Intanto si è appreso che a Bologna è in corso un secondo sgombero, che riguarda un altro centro sociale, il laboratorio Crash di via della Cooperazione. Nella struttura sono stati posti i sigilli, al momento dell’intervento non c’era nessuno. “Gravissimo: la procura ordina la questura esegue. Stanno sgomberando ora il lab Crash!”, si legge sulla pagina del collettivo.L’ex caserma, di proprietà della Cassa depositi e prestiti, era già stata sgomberata alla fine del 2012 e poi subito rioccupata dai ragazzi del centro sociale legato al Tpo. Nel dicembre del 2015 il Pm Antonello Gustapane ha emesso un decreto di sequestro per l’ex caserma Masini, dando il via libera allo sgombero. In questi anni l’edificio è diventato un punto di riferimento per molti residenti del quartiere e al suo interno è stato creato un dormitorio sociale autogestito, “Accoglienza Degna”, con 15 posti letto, e tanti laboratori tra cui “Labimbi”, pensato per i più piccoli, e ogni mercoledì si tiene il mercato biologico di “Campi Aperti”.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: