Attentato Barcellona, caccia al terrorista in fuga: “Cellula aveva contatti in altri Paesi Ue”. Morto Julian, bimbo disperso

Barcellona-Julian-combo-675.jpg

Decine di posti di blocco per fermare un uomo,  Younes Abouyaaqoub, il principale ricercato per la strage compiuta sulla Rambla di Barcellona dalla cellula jihadista di Ripoll. Domenica mattina, la polizia catalana – pur non avendo idea di dove si trovi il terrorista – ha dispiegato oltre sessanta uomini nella città di origine di molti dei baby-terroristi e a Manlleu, vicino alla capitale della Catalogna, alla ricerca del 22enne che probabilmente guidava il furgone-killer che ha ucciso 13 persone. Era il piano B della cellula “con legami europei”. Senza lo scoppio nel covo di Alcanar, infatti, sospettano l’inquirenti, avrebbero potuto provocare centinaia di morti “in diversi attacchi”. Tra cui uno, si suppone, alla Sagrada Familia. Obiettivo però al momento non confermato dalla polizia catalana, che ha comunque il sospetto poiché – riporta El Confidencial – all’interno del cellulare di uno dei terroristi sono state ritrovate immagini della basilica. Intanto l’ufficio spagnolo per la persone scomparse ha comunicato che Julian Cadman, il bimbo di 7 anni disperso dopo l’attentato, è rimasto ucciso nell’attacco: è la 15ma vittima. Sabato i media spagnoli avevano invece riferito che il bambino, madre filippina e padre australiano, era stato ritrovato in un ospedale.

Il punto della polizia – Quale sia al momento lo stato delle indagini lo ha spiegato il capo dei Mossos d’Esquadra Josep Lluis Trapelo, in una conferenza stampa: “Si ignora dove si trovi Abouyaaquob – ha detto – e non siamo in grado di affermare con certezza se era lui alla guida del furgoncino”. È certo invece che nel covo di Alcanar “vi erano oltre 120 bombole“, non 106 come trapelato sabato, e sarebbero servite per “uno o più attacchi Barcellona” previsti sempre per giovedì scorso. L’esplosione della base logistica ha cambiato i piani “ma non la voglia di far male”. Dopo la deflagrazione dell’appartamento, ha aggiunto Trapelo, sono stati ritrovati “i resti di tre persone”. Lì, secondo le indagini, i terroristi si preparavano “da oltre sei mesi”. Il maggiore dei Mossos ha spiegato poi che la cellula “aveva legami con alcuni Paesi europei ma non possiamo dire quali”.

El Confidencial: “Hychami in Francia l’11 agosto” – Una lunga inchiesta di El Confidencial ha ricostruito le ultime settimane della cellula che, secondo il giornale spagnolo, avrebbe messo a punto i dettagli dell’attacco a metà luglio durante un viaggio a Mrirt, in Marocco, al quale hanno partecipato molti dei suoi membri. E l’obiettivo, si legge, era probabilmente la Sagrada Familia, poiché all’interno del cellulare di uno dei membri della cellula sono stati ritrovate “foto della basilica”. Inoltre, aggiunge la lunga inchiesta di El Confidencial, gli inquirenti sono praticamente certi che lo scorso 11 agosto Mohamed Hychami, uno dei cinque uccisi a Cambrils, si trovasse in Francia: la sua carta, infatti, risulta essere stata utilizzata per pagare un pedaggio a La Junquera, comune spagnolo situato al confine.

Si indaga sull’auto che forzò il posto di blocco – Dopo giorni di smentite – e pur continuando a tenere le indagini separate – la polizia catalana ritiene ora “possibile” che la Ford Focus che forzò un posto di blocco sulla Diagonal poche ore dopo l’attentato sia collegata a quanto accaduto sulla Rambla. La macchina riuscì a superare l’alt degli agenti, ferendone uno, e venne poi rintracciata a Sant Just Desvern, a qualche chilometro di distanza. Nessuna traccia del conducente, mentre sul sedile posteriore, c’era il corpo senza vita del proprietario, Pau Perez, un cooperante di 34 anni. Se dovesse essere confermato che a uccidere l’uomo a coltellate per usare l’auto durante la fuga sia stato uno degli appartenenti alla cellula, Perez sarebbe la quindicesima vittima dell’attentato.

a cura di Maria Parente

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: