Corea del Nord,sesto test per la bomba all’idrogeno :è terremoto di magnitudo 6.3

010912886-d23a6091-4baf-4065-bc28-52ff41170045.jpgYONGYANG – Il sesto esperimento nucleare  del regime di Kim Jong-un,ha provocato un terremoto di magnitudo 6.3 , seguito da un altro di magnitudo 4.6 è stato registrato intorno all’alba di domenica 3 settembre nel Nord Est del Paese.In una dichiarazione “speciale”, anticipata dalla tv di Stato nordcoreana Kctv, il regime ha confermato di aver testato “con successo” la sua nuova bomba all’idrogeno destinata “ad armare un super missile intercontinentale”.Il test ha avuto una potenza fino a 100 chilotoni, circa 5 volte più forte della bomba sganciata dagli Usa sulla città nipponica di Nagasaki nell’agosto del 1945: lo ha reso noto Kim Young-woo capo della commissione Difesa del parlamento di Seul, citando le stime dei militari sudcoreani. Secondo i rilevamenti dell’Usgs il sisma ha avuto epicentro circa 23 km a est-nordest di Sungjibaegam, dove si trova proprio il sito di test nucleari nordcoreano di Punggye-ri. Anche i militari della Corea del Sud hanno confermato la natura artificiale del terremoto: l’onda sismica anomala è oggetto di verifica, ha reso noto il Comando di Stato maggiore congiunto, per accertare la possibile sesta detonazione atomica da parte di Pyongyang.

Gli sforzi in corso per massimizzare la pressione sulla Corea del Nord sono stati al centro del colloquio telefonico fra il presidente Usa Donald Trump e quello giapponese Shinzo Abe. I due leader hanno ribadito l’importanza di una stretta collaborazione fra Usa, Corea del Sud e Giappone di fronte alla ”crescente minaccia della Corea del Nord”. Il presidente americano ha messo in evidenza che il coordinamento fra i tre paesi sarà oggetto di incontri a margine dell’Assemblea Onu.Nel gennaio 2016 la Corea del Nord aveva dichiarato di aver testato con successo una bomba a idrogeno nel suo quarto test nucleare, ma la notizia era stata accolta con scetticismo dagli esperti. Alla luce dell’intensificarsi dei lanci missilistici e dei progressi effettuati, però, l’annuncio della Kcna agita la comunità mondiale. Il presidente russo Vladimir Putin ha negli ultimi giorni denunciato la gravità della situazione, mettendo in guardia su come si sia sull’orlo di ”un conflitto su larga scala”.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: