Napoli,madre lo caccia di casa perché gay. Ma il giudice la condanna a mantenerlo

1370703687-giustizia.jpgNAPOLI – Quando compie 18 anni viene cacciato di casa dalla madre perché gay. Ma il giudice alla fine ha condannato la madre a pagare un assegno di mantenimento mensile al figlio.Dal momento che alla madre del ragazzo, separata, era stata assegnata la casa familiare in quanto affidataria dei figli, il giudice ha stabilito che il ragazzo, dato che “non convive con la madre per mancato consenso manifesto della stessa” e che, “anche se maggiorenne, non ha raggiunto l’indipendenza economica”, dovrà ricevere ogni mese dai genitori un assegno di mantenimento. “La solerzia con la quale ha agito il nostro Sportello Legale guidato dall’avvocato Simioli – dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli – e la solidarietà della nostra rete nazionale lgbt (che ha consentito di poter dare accoglienza ai due ragazzi, prima a Napoli e ora a Roma) e la vicinanza delle Istituzioni (a partire dal Sindaco di Casoria, Pasquale Fuccio) stanno restituendo lentamente dignità alle vite di due giovani ragazzi vittime di una storia triste e profondamente ingiusta.”

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: