Csm: “Solo in Italia magistrati star da talk show alle aule”

ROMA –Arriva un netto altolà del vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, alla giudice-giustizia jpg.jpgsovraesposizione mediatica dei giudici: “In nessun Paese europeo – ha detto – è consentito passare con tanta facilità dai talk show alle prime pagine dei giornali e a funzioni requirenti e giudicanti fino alla presidenza di collegi di merito e di Cassazione”.Legnini, intervenuto al congresso straordinario dell’Unione delle Camere penali, non nomina esplicitamente Davigo, ma ci tiene ad esprimere la sua avversione al costume che definisce tutto italiano dei giudici star. “Non è in discussione – ha precisato – il diritto alla libertà d’espressione, che è costituzionalmente garantito, ma c’è bisogno di recuperare senso di responsabilità, un esercizio equilibrato delle funzioni, tanto più se si parla di funzioni giudiziarie”.Alla platea dei penalisti il vicepresidente del Csm ha poi parlato di separazione delle carriere dei magistrati, commentando la raccolta di firme per un progetto di legge in materia che ha registrato oltre 70 mila adesioni. “Nei dieci anni di attuazione della riforma nell’ordinamento giudiziario – ha ricordato – il principio della distinzione delle funzioni è andato via via consolidandosi ed i percorsi professionali di giudici e pm vanno sempre più distinguendosi”.

a cura di Maria Parente

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: