Le previsioni Ue: ripresa Italia accelera nel 2017, poi rallenta

“La ripresa economica in Italia accelera nel 2017 grazie alla domanda esterna e domestica, ma i venti di coda in rallentamento e le più basse prospettive di crescita nel medio periodo modereranno la crescita” nei prossimi due anni. Lo scrive la Commissione Ue nelle previsioni economiche d’autunno, che rivedono al rialzo il pil 2017 a 1,5% (da 0,9% previsto a maggio) e quello 2018 a 1,3% (da 0,9%). Il rallentamento però proseguenel 2019, col pil fermo a 1%.Teamwork and corporate profit

Dal Mef spiegano: la Commissione Ue “riconosce all’Italia una ripresa sostenuta e conti in miglioramento con calo del debito”. “Per l’Italia la Commissione conferma le stime del Governo relative alla crescita economica del 2017 (+1,5%), mentre ha stime inferiori per il 2018 (1,3% secondo la Commissione, 1,5% secondo il Governo). Una divergenza che si è verificata sistematicamente negli ultimi anni, durante i quali le previsioni del Governo si sono rivelate sempre più affidabili, benché prudenti”
L’Italia per l’Ue resta ultima in Europa sulla crescita per tutto il nuovo periodo coperto dalle previsioni della Commissione Ue, cioè 2017, 2018 e 2019. Solo il Regno Unito, che però viene per la prima volta escluso dalla tabella Ue-28, ha un andamento del pil quasi uguale a quello italiano. E’ Malta invece il Paese europeo che cresce di più: +5,6% nel 2017, +4,9% nel 2018 e +4,1% nel 2019.
La Commissione Ue rivede al ribasso le stime sul deficit italiano: nel 2017 scende a 2,1% (dal 2,2% previsto a maggio), nel 2018 a 1,8% (dal 2,3% di maggio), “grazie ad una crescita più alta” e ad alcune misure come spending review, scontrino elettronico obbligatorio. Nel 2019, a politiche invariate, torna al 2%. Il deficit strutturale invece peggiora “leggermente” nel 2017 (2,1% invece del 2% previsto a maggio), e migliora solo “marginalmente” nel 2018 (2%).

Bruxelles rivede leggermente al ribasso le stime della disoccupazione in Italia: nel 2017 si assesta a 11,3% (invece dell’11,5% previsto a maggio), per poi scendere a 10,9% nel 2018 e a 10,5% nel 2019. L’occupazione invece “rallenta a 1% nel 2017” dopo “il phasing-out degli sgravi per le assunzioni”, a 0,9% nel 2018 e 0,5% nel 2019. I nuovi incentivi del bilancio 2018 per le assunzioni dei giovani “sosterranno” l’occupazione. Ma lo sviluppo del mercato del lavoro “sarà in linea con l’attività economica”.
I rischi per l’economia europea “sono ampiamente bilanciati”, ma “i principali rischi al ribasso sono esterni e legati alle tensioni geopolitiche” come nella Penisola coreana, l’estensione di politiche protezionistiche e l’aggiustamento economico in Cina. All’interno dell’Ue, invece, i rischi al ribasso sono “legati all’esito dei negoziati sulla Brexit“, a un forte apprezzamento dell’euro e a tassi d’interesse più elevati sul lungo periodo.
L’inflazione in Italia, “dopo tre anni vicina allo zero”, salirà a +1,4% nel 2017 per poi calare all’1,2% nel 2018. Lo scrive la Commissione Ue nelle previsioni economiche.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: