L’economia tira la sicurezza nazionale trumpiana: il contrasto con la Cina e il caso del fotovoltaico

Nel documento sulla National Security Strategy (NSS) presentato da Donald Trump lunedì appare 32 volte riportata la parola “prosperity“, prosperità: è il senso finale dell’intera strategia, la prosperità della gente americana, dietro a cui è racchiuso il messaggio a cui il presidente, che ha personalmente presentato il piano con uno speech intriso di retorica politica, ha sapientemente dato risalto mediatico. La sicurezza nazionale americana è fortemente collegata alla sicurezza economica

images

La rivalità economica è cruciale per le dinamiche di confronto/contrasto con le “rivals power“, come Trump inquadra Russia e Cina, mettendole appena sotto il livello di minaccia con cui invece si definiscono gli “stati canaglia” di Iran e Corea del Nord e il terrorismo jihadista internazionale. L’amministrazione Trump, per esempio, sta indagando la Cina per quello che afferma essere il dumping su prodotti in alluminio, che Pechino starebbe artificialmente tenendo a basso costo sui mercati statunitensi (e ha già minacciato di fare lo stesso sulle esportazioni di acciaio): una questione di carattere economico che diventa però un confronto strategico per un presidente che vuole fare l’America di nuovo grande con il target America First.

L’atteggiamento di contrasto nei riguardi della Cina, formalizzato nel documento strategico, è salito di livello durante l’amministrazione Trump. A breve Washington potrebbe per esempio alzare nuove misure per ostacolare le importazioni di pannelli fotovoltaici prodotti dalla Cina; starebbe già circolando una bozza di legge visionata in anteprima da Politico. Il prossimo mese la Casa Bianca potrebbe decidere come muoversi, e nel contrasto con la Cina potrebbe essere scelta intanto la via del fotovoltaico. L’International Trade Commission ha già concluso a settembre che l’utilizzo di prodotti a basso costo prodotti nel mercato asiatico (quasi tutti in Cina) è aspetto che crea “gravi infortuni” ai produttori americani, ma le società energetiche che lavorano nel mondo green temono che l’introduzione di misure aggressive possa far aumentare le tariffe e renderle meno convenienti. Anche questo è comunque un aspetto ripreso dalla NSS sulla visione strategica del comparto energetico.

Gli Stati Uniti, secondo Trump, potrebbero usare il “dominio strategico” derivante dalle maggiori produzioni come arma per accrescere la propria influenza globale –  Trump dimentica, ovviamente, di dire che la produzione di petrolio e gas naturale negli Stati Uniti è crescita, insieme all’energia green, sotto l’amministrazione Obama. Ma, come è lo stesso Camporini a notare, nella NSS non vengono affrontate con rilevanza le questioni ambientali (che d’altronde l’amministrazione Trump ha sempre considerato argomenti secondari da minimizzare): invece nei richiami all’importanza strategica della produzione energetica si parla di maggiori concessioni per le estrazioni di carbone, petrolio e gas, (da notare che molti degli stati in cui si potrebbero aprire miniere di carbone, ad esempio, sono zeppi dei più convinti sostenitori del presidente). Sotto quest’ottica il settore fotovoltaico diventa un ottimo proxy con cui fare la guerra a Pechino: Trump non crede in quel genere di energia, dunque il contraccolpo di mercato della difesa alla produzione americana è un rischio che può essere assorbito.

a cura di Maria Parente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: