Salute: al via a Milano ‘Let’s Science!’, la creatività contro le fake news

L’antidoto alle ‘fake news’? E’ la creatività. Su questa convinzione poggia una nuova iniziativa promossa dalla Fondazione Ibsa, realtà in prima linea per la divulgazione della scienza, nata nel 2013 dalla casa farmacuetica Ibsa. Si chiama ‘Let’s Science!’ e prende il via oggi, mercoledì 10 gennaio, a Milano: è un percorso creativo – spiegano i promotori – che punta a dare ai ragazzi gli strumenti per informarsi correttamente in rete sulla propria salute.letsscience

Ogni giorno, fino al 20 gennaio, nella Galleria San Fedele (in via Hoepli) è previsto un momento di incontro con ospiti e relatori, incentrato sul tema delle bufale in campo scientifico, e attività diverse pensate soprattutto per i più giovani. Obiettivo dialogare con la città, le istituzioni e i media, e stimolare e far lavorare i ragazzi su come difendersi dalle insidie della Rete: fake news che possono mettere in pericolo un bene prezioso, la salute. L’evento, evidenziano gli organizzatori in una nota, è anche occasione per esporre i primi frutti dell’impegno degli ultimi anni della Fondazione a favore della corretta informazione scientifica. Un percorso che inizia nel 2013 con una riflessione sui social media e l’impatto sulle identità, e che ha portato a creare il primo decalogo contro le fake news, progetto che ha ottenuto l’endorsement dalla presidenza della Camera.Sotto i riflettori anche i fumetti realizzati dai ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado che hanno aderito al concorso ‘Bufale in rete’, promosso da Ibsa Foundation e Istituto Pasteur Italia: ‘comics’ pensati per smascherare alcune bufale in campo scientifico. I fumetti saranno esposti in Galleria per tutta la durata dell’evento. La Fondazione ha ricevuto circa 150 lavori (per la prima edizione, mentre la seconda è ancora in svolgimento) che sono stati esaminati da una giuria composta da Ibsa Foundation, Istituto Pasteur Italia, Scuola Romana dei Fumetti e Carocci editore, partner dell’iniziativa.

Let’s Science! si propone come “un laboratorio creativo”, fa notare la direttrice della Fondazione Ibsa, Silvia Misiti. “Il progetto – afferma – nasce innanzitutto dalla volontà di condivisione in un mondo velocissimo. La Fondazione è attenta alle esperienze di frontiera, dove competenze e conoscenze diverse si contaminano a vicenda. L’esperienza maturata con i progetti promossi fino a oggi ci dice che la creatività può essere una risorsa molto utile per sostenere l’alfabetizzazione digitale delle nuove generazioni, aiutarle a comprendere meglio i concetti scientifici e di conseguenza a non cadere vittima delle fake news che riguardano la medicina, la tipologia di bufale più pericolosa”.Il bisogno di migliorare l’alfabetizzazione digitale delle giovani generazioni è stato oggetto di diversi studi, pubblicati recentemente anche su ‘Pediatrics’. Fra gli aspetti analizzati proprio la necessità di una maggiore consapevolezza, da parte degli adolescenti, del possibile danno alla propria reputazione digitale derivante dal condividere fake news.

 

a cura di Maria Parente

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: