Powell vede l’economia Usa in crescita, ma ai mercati non piace

31dc-powell-master768MILANO – I listini azionari reagiscono con debolezza alla prima audizione del governatore Fed, Jerome Powell, davanti al Congresso. Gli addetti ai lavori hanno sottolineato in particolare i passaggi in cui il banchiere ha riconosciuto che l’economia Usa lo sta sorprendendo al rialzo per forza, lasciando intendere che di conseguenza i “rialzi graduali” dei tassi d’interesse potranno essere anche quattro nel corso del 2018. Inizialmente i piani di politica monetaria prevedevano tre interventi, poi negli ultimi tempi si era fatta strada l’idea di un percorso accelerato visti i primi segnali di inflazione arrivare anche dal fronte dei salari. Ieri Powell ha corroborato questa tesi, pur rimarcando che la dinamica dei prezzi è ancora bassa, ma salirà al 2% obiettivo nel medio termine. La digestione delle parole del numero uno della Fed da parte dei mercati ha portato a vendite sull’azionario e sui Treasury, con l’effetto di riportare il rendimento dei bond governativi Usa sopra il 2,9%. Il dollaro si è invece rafforzato, portando l’euro a scendere fin quasi a quota 1,22 biglietti verdi; muovendosi in direzione opposta al dollaro, invece, il petrolio è sceso sotto quota 63.I listini Ue aprono deboli: Milano perde lo 0,5% in avvio, in linea con Londra. L’euro come accennato passa di mano a 1,2232 dollari e 131 yen. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi è sotto controllo a poche ore dal voto italiano: si trova in area 135 punti base, con il rendimento del decennale tricolore al 2% sul mercato secondario.
Dal fronte macro si registra il calo della fiducia dei consumatori tedeschi a marzo: probabilmente ha risentito dei lunghi tempi per la formazione della Grande coalizione. L’indice Gfk si è portato a 10,8 punti dagli 11 di febbraio e sotto le attese degli analisti che avevano previsto che l’indice arretrasse a 10,9 punti

Stamattina, in scia alla seduta negativa di Wall Street e con dati macro poco convincenti, la Borsa di Tokyo ha chiuso in rosso dell’1,44%, interrompendo una scia positiva di tre sedute. Chiusure miste in Cina, con Shenzhen positiva dello 0,2% e Shaghai in rosso di un punto percentuale. I dati macro dai due colossi asiatici sono stati negativi. In Cina, l’attività manifatturiera a febbraio ha mostrato un rallentamento: l’indice Pmi calcolato dal National bureau of statistics è indicato a 50,3 punti, rispetto ai 51,3 punti di gennaio. Si tratta del livello più basso da agosto 2016. L’indice Pmi non manifatturiero si contrae invece a 54,4 punti dai 55,3 punti di gennaio. In Giappone hanno invece deluso le vendite al dettaglio, scese a gennaio dell’1,8%; sotto le aspettative anche il dato della produzione industriale che ha segnato un -6,6% nel primo mese dell’anno.
La Piazza americana ha chiuso ieri in calo e sui minimi di giornata: Dow Jones e S&P 500 si apprestano a mettere fine alla serie di dieci mesi di fila in rialzo. All’indomani della migliore seduta dal primo febbraio, l’S&P 500 ha messo a segno (-1,27%) la peggiore giornata di scambi dall’8 febbraio, il giorno in cui l’indice benchmark – come gli altri – è entrato in correzione (status definito da un calo di almeno il 10% dal record recente). Il Dow ha ceduto l’1,16%, il Nasdaq l’1,23%. Negli Usa si attendono oggi i dati sui mutui, sul numero di compromessi per case esistenti, il Chicago Pmi ma soprattutto la seconda stima del Pil del quarto trimestre 2017 (atteso in rialzo del 2,5%).

a cura di Giuseppe Catapano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: