Elezioni 2018, domani si vota: le ultime istruzioni

Domani sarà l’election day per queste Elezioni 2018, gli italiani saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo governo. Dopo mesi di campagna elettorale senza confronti diretti tra i leader delle coalizioni e senza sapere esattamente quali siano i candidati premier, gli italiani saranno chiamati a esprimere il proprio voto e l’abbondante neve degli ultimi giorni forse non sarà l’ostacolo piu grande per recarsi al seggio. Probabilmente sarà l’incertezza su quale coalizione o candidato votare, gli ultimi sondaggi parlano di un 20% di indecisi, ma ancora di più l’astensionismo che questa brutta campagna elettorale non ha certo fermato,anzi.

A 24 ore dal voto ricordiamo le informazioni principali per il voto e su come e quando si conosceranno i risultati elettorali.

Segui il nostro speciale Elezioni politiche 2018

Come si vota per le Elezioni 2018

Domani i seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. Oltre che per le elezioni politiche 2018 si svolgeranno anche le elezioni regionali in Lombardia e Lazio.
Gli elettori dovranno recarsi al seggio muniti di un documento di identità valido e della tessera elettorale. In caso di perdita della tessera o di tessera piena sarà possibile recarsi all’ufficio elettorale del proprio Comune, aperto appositamente, per ritirarne una nuova.
All’elettore verranno consegnate una scheda rosa per la Camera e, per  chi ha almeno 25 anni una gialla per il Senato.

Su ogni scheda, l’elettore potrà esprimere al massimo due voti:
uno per il candidato nel collegio uninominale,
uno per uno dei partiti che sostengono il candidato(che potrà essere il candidato del partito prescelto o della coalizione).

Secondo questa legge elettorale l’elettore non può votare sia il partito sia uno dei candidati del collegio proporzionale e nemmeno può esprimere un voto disgiunto, pena l’annullamneto della scheda.

È ammesso esprimere un solo voto, solo il candidato del collegio uninominale o solo uno dei partiti.

Barrando solo il nome del candidato, il voto viene distribuito tra le liste che lo appoggiano in proporzione ai voti che ciascuna lista ha ottenuto nelle diverse sezioni del collegio uninominale;  mentre  barrando sul simbolo del partito il voto si estende automaticamente anche al candidato del collegio uninominale che è sostenuto dal partito prescelto.

Dopo aver espresso il proprio voto l’elettore dovrà consegnare le schede al presidente di seggio che verificherà il codice alfanumerico del tagliando antifrode.

Come avverrà lo scrutinio dei voti delle Elezioni 2018

Alle 23, dopo l’accertamento del numero dei votanti, ci sarà lo spoglio delle schede del Senato e poi quello della Camera dei deputati. Lo scrutinio delle schede delle regionali avverrà il 5 marzo alle ore 14.
Già a inizio dello scrutinio saranno resi noti i primi exit poll e seguiranno le proiezioni di voto, ma per avere i dati definitivi si dovra attendere forse fino a lunedì sera, visto che il conteggio dei voti dovrà tener conto delle varie percentuali di partiti e coalizioni e del calcolo dei seggi e degli eletti.

a cura di Vincenzo Catapano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: